• Località: grotta della Grandine (a catasto: Ouso delle quattro dita, La497)
  • Inizio attività: 15-05-2022
  • Fine attività: 15-05-2022
  • Regione: Lazio
  • Comune: Carpineto Romano
  • Materiale utilizzato: 1 corda 10 mm, 3 placchette senza, 3 moschettoni, trapano con 2 batterie, materiale da disostruzione
  • Partecipanti ASR: Franco Catalano, Fabrizio Fedeli, Massimiliano Astolfi, Valerio Callaringi
  • Partecipanti esterni: Manuela Merlo, Silvia Dall'Armellina, Claudia ?
  • Coordinate WGS84: 41°33,516'N 13°6,539'E
  • Coordinate UTM: 33T 288818 4637655

Finalmente torniamo a grotta della Grandine (a catasto: Ouso delle quattro dita, La497). Il piano prevede di continuare la disostruzione dello stretto meandro che parte dalla sala del capretto. Stavolta riesco finalmente ad entrare con tutte le costole sane e, dunque, ad avventurarmi oltre la strettoia alla base del secondo pozzo e a raggiungere finalmente la zona in esplorazione. Silvia avanza qualche metro nel meandro che le calza a pennello, confermando la prosecuzione ma, purtroppo, senza individuare allargamenti a vista. Ci diamo comunque da fare alternandoci nel meandretto ma, a fine giornata, riusciamo solo a rendere transitabile anche alle taglie sopra la XS il tratto percorso da Silvia. L'entusiasmo scema un po' ma si decide comunque di lasciare gli arnesi da lavoro sul posto e di tornare prossimamente, anche perché Valerio ha trovato pane per i suoi denti o, per meglio dire, roccia per le sue dita nel bel fuso sopra la sala del capretto di cui riesce ad arrampicare in libera i primi metri. Nelle attese scatto qualche foto alla base del secondo pozzo e nella sala del capretto. Eccole qui, che sennò il presidente mi caccia:

alla base del secondo pozzo
Silvia torna sorridente (beati gli smilzi!) dallo stretto meandro
Manuela e la lente sabbiosa nella sala del capretto
Sua Maestà Il Capretto
daje Vale', è tutto tuo! Aprice la via...